come vestirsi per andare in palestra

I migliori consigli su come vestirsi per andare in palestra

 

Quali scarpe scegliere per andare in palestra e perché, quali pantaloncini e perché, quale maglietta o canottiera scegliere, caratteristiche di ogni indumento e consigli utili per capire come vestirsi per andare in palestra.

Le motivazioni che spingono a recarsi in palestra possono essere varie, ma, molte volte, nonostante un abbonamento già pagato, la pigrizia prende il sopravvento e si aspetta fino all’arrivo delle belle giornate e l’avvicinarsi dell’estate per ritrovare motivazioni valide.

Oggigiorno però, tra i motivi che ti invogliano maggiormente ad andare in palestra e a mettersi in moto c’è, senza dubbio, la possibilità di sfoggiare un look di tendenza che mette in risalto i punti di forza di ogni fisico e permette di praticare qualsiasi attività sportiva in tutta comodità e senza perdere mai di vista il proprio stile.

Ormai tutti i brand hanno una loro personale linea di capi da palestra, quindi, trovare il look adatto a sé è diventato più semplice che mai.

In questo semplice articolo, vogliamo darti dei consigli utili e pratici su come vestirsi per andare in palestra.

Come vestirsi per andare in palestra: quali scarpe scegliere?

Per chi comincia a frequentare una palestra, probabilmente più che dei vestiti, le scarpe rappresentano un elemento di fondamentale importanza da scegliere con cura perché dalla loro qualità dipende buona parte del benessere fisico e la riuscita di qualsiasi esercizio ci si appresti a svolgere.

Innanzitutto, devono essere scarpe in grado di mantenere il piede fresco e offrire un appoggio comodo da cui tutto il corpo può trarre giovamento.

Durante l’allenamento in palestra, la scarpa deve essere comoda e in grado di scaricare delicatamente il peso sul terreno. In base poi alla specifica attività praticata – ad esempio, zumba, sollevamento pesi, trekking, aerobica, fitness, spinning ecc. – si sceglierà il modello di scarpe adeguate all’uso, leggere, performanti o ammortizzanti.

Inoltre, è bene indirizzare la propria scelta verso un brand dalla consolidata esperienza nel campo sportivo che garantisca una scarpa dotata di suola e plantare confortevole e adatti allo sport anziché un marchio sconosciuto che potrà anche essere economico ma, molto probabilmente, potenzialmente dannoso per la salute del piede e non solo.

Dunque, ricorda sempre che nella scelta su come vestirsi per andare in palestra, la scarpa sportiva ha la priorità assoluta.

Quali pantaloncini scegliere per andare in palestra?

Anche in questo caso, la differenza maggiore è dettata dal tipo di attività che si svolge e dalle preferenze individuali. Se l’allenamento prevede l’uso di attrezzi o movimenti a corpo libero, non è il caso di indossare pantaloncini larghi o short troppo aderenti.

Meglio scegliere pantaloni lunghi se si utilizzano macchinari o si fanno movimenti costanti e statici, mentre i pantaloncini corti sono indicati, ad esempio, per le sessioni sul tapis roulant.

In ogni caso, l’ideale è optare per pantaloncini pratici, morbidi e realizzati in tessuto tecnico elasticizzato che consente una maggiore libertà di movimento. Meglio ancora se realizzati in materiale ipoallergenico e dotato di sistema di traspirazione del sudore verso l’esterno per evitare spiacevoli irritazioni, oltre che antiestetiche macchie.

In tal senso, sono da evitare pantaloni o pantaloncini antitraspiranti o acrilici.

Quale maglietta o canottiera scegliere per il tuo fitness?

Come per i pantaloncini, anche per la maglietta o la canottiera da utilizzare in palestra è importante la scelta del materiale con cui sono realizzate: la scelta giusta è, senza dubbio, un capo in cotone che garantisca leggerezza e opportuna traspirazione, oppure i modelli tecnici e termici che non lasciano la pelle bagnata di sudore a lungo, mentre sono da evitare i capi sintetici che potrebbero provocare irritazioni e reazioni allergiche.

Le canottiere lasciano maggiore libertà di movimento a braccia e spalle, ma, nel caso di donne con un seno abbondante, è meglio evitare quelle con le spalline troppo sottili che non garantiscono l’adeguata tenuta e stabilità durante l’allenamento.